Articoli 

ATTENTI A QUEI DUE

 16/03/2018 unionvolley


Abbiamo parlato tanto questi giorni, forse troppo per qualcuno, delle prestazioni delle nostre squadre giovanili.

Aver centrato la finale territoriale con tutte e due le squadre iscritte al campionato di Under 16 non poteva certo passare in sordina, cosi come non potevamo, dopo aver tanto esaltato le prestazioni delle giocatrici, non riconoscere i meriti ai due coaches Massimo Moglio e Davide Scali.

Agli artefici in panchina di questo successo abbiamo chiesto di commentare il passaggio del turno che ha portato a questa inedita finale tutta UNIONVOLLEY.

Massimo Moglio, direttore tecnico e coach del gruppo 2003:
"Non è mai successo, nella mia storia recente e passata di arrivare con entrambe le squadre in finale.
In realta dopo le partite di andata non ci contavo proprio, infatti la sconfitta per 3 a 2 in casa contro il settimo e la vittoria per 3 a 1 contro il Lingotto mi preoccupavano molto. Entrambe le squadre sono sempre state molto ostiche e in casa loro hanno sempre dato il meglio.
Mi hanno dunque sorpreso le due contemporanee vittorie che premiano il lungo lavoro iniziato questa estate dai dirigenti che hanno allestito queste squadre molto competitive, proseguito poi dai tanti allenatori, Davide, Mapi, Alberto, Francesco, Marta e Lucia, che hanno investito tempo ed energie per raggiungere questo risultato e naturalmente le atlete, le principali attrici che hanno saputo, con una straordinaria grinta e determinazione, sono state capaci di concretizzare tutti gli sforzi compiuti in questa direzione".

"Davide Scali coach del gruppo 2002:
Raggiungere la finale territoriale è stata una importante soddisfazione soprattutto dopo il risultato dell’andata della semifinale. Abbiamo saputo reagire alle difficoltà incontrate con il giusto carattere. Inoltre abbiamo affrontato una squadra, il Settimo, che si è rivelata più attrezzata di quello che ci si aspettava. Questo è l’obiettivo minimo che questa squadra si deve porre perché sapevamo che le potenzialità ci sono, ma bisogna sempre dimostrare sul campo il proprio valore. Per me è la seconda finale provinciale che raggiungo da allenatore ma è sicuramente la più importante, vista la realtà in cui alleno quest’anno ed è inutile dire che sono molto contento ed è uno stimolo per continuare in questo percorso. La finale sarà una gara bella da affrontare visto che le 2 squadre si conoscono molto bene e si allenano insieme 2 volte a settimana sotto gli ordini del direttore tecnico Moglio che a mio avviso è il principale artefice di questo doppio risultato.
C'è a monte un grande lavoro di squadra e per questo motivo i meriti di questo primo obiettivo stagionale vanno divisi con Francesco e tutti i tecnici che in palestra collaborano con noi durante la settimana. Ora affronteremo questa finale ma non ci rilassiamo assolutamente perché si ricomincia subito a pensare ai prossimi impegni in cui servirà un altro importante salto di qualità".