Articoli 

PINEROLO CADE SUL CAMPO DI SASSUOLO: BOTTINO PIENO PER LE EMILIANE

 11/10/2020 unionvolley


La trasferta emiliana regala brutte sorprese alla compagine dell’Eurospin Ford Sara Pinerolo. Sul campo della Green Warriors Sassuolo Zago e compagne non esprimono il loro miglior gioco, subiscono per quasi tutto il match il ritmo partita e la fisicità delle avversarie. E’ mancata quella cattiveria agonistica e quella determinazione viste contro Olbia. L’efficienza in attacco è stata del 29% contro il 35% di Sassuolo, i muri vincenti solo 4, 10 invece quelli della formazione neroverde. Coach Barbolini, nel secondo set, si è giocato la carta vincente Mangazza che, dai nove metri, si è rivelata una vera e propria spina nel fianco per le pinerolesi. Archiviare immediatamente la sconfitta è d’obbligo, mercoledì si torna in campo per il primo derby stagionale Mondovì, reduce da un’importante vittoria contro la capolista Roma.

1 SET Avvio di gara a favore delle padrone delle padrone di casa subito incisive in fase di attacco. Sotto 8-3 le pinerolesi inseguono. A metà parziale Sassuolo continua a guidare il gioco (15-11), allunga ancora con il pallonetto di Salinas e il muro di Civitico su Zago. (17-12). Akrari accorcia le distanze, Boldini mura Antropova e la pipe di Bussoli vale il -1 (18-17). Pinerolo rimane in scia ma Sassuolo allunga ancora con il muro di Busolini su Zago (22-19). Il capitano biancoblu annulla il primo set point ma, sul filo del rasoio, Salinas chiude il punto del 25-23.

2 SET Il secondo set è un serratissimo punto a punto. Pinerolo piazza un mini break sfruttando due errori in attacco delle neroverdi (7-9). Sassuolo rimane in scia alle ospiti. Bussoli allunga ancora (11-14) ma le padrone di casa si rifanno sotto, Antropova e Civitico riportano il punteggio in parità (15-15). Magazza al servizio mette in difficoltà la ricezione biancoblu e trascina le compagne a +5 (21-16). La reazione di Pinerolo non arriva e la diagonale di Dhimitriadhi chiude 25-19.

3 SET Sassuolo parte forte, le romagnole vanno sul 7-1. Nella metà campo biancoblu Allasia entra per Boldini e dai nove metri piazza subito un ace (7-4). Il muro di Gray su Antropova accorcia ancora le distanze. Pinerolo insegue, conquista un ottimo break con il secondo tocco vincente di Boldini e il tap-in di Akrari (12-11). L’errore di Spinello regala il 15-15. Ci pensa Magazza a rompere l’equilibrio. Dai nove metri mette a segno due ace costringendo coach Marchiaro a chiamare il time out (19-15). Sassuolo, visibilmente più concentrata, conquista il match point con Busolini e Pasquino chiude 25-19.

Michele Marchiaro analizza la sconfitta: “Oggi la nostra prestazione non è stata all’altezza del nostro valore e obiettivamente non rende giustizia al lavoro fatto in settimana. Questo suscita ancora più rammarico e non ci resta che alzare ulteriormente l’intensità in allenamento. Sassuolo ha decisamente fatto una partita importante soprattutto in attacco e in battuta ma questo era preventivato poiché conoscevamo le loro qualità. Ma, in termini percentuale in attacco, abbiamo abbassato il loro valore rispetto alle partite precedenti. La nostra esperienza doveva pesare nella gestione dei colpi su rigiocata e su ricezione negativa dove invece abbiamo sbagliato troppo. Il primo set è stato deciso da episodi e possiamo accettarlo. Non ci devono invece appartenere i break subiti a metà del secondo e del terzo che hanno incanalato il risultato quando la partita era in perfetto equilibrio. La sconfitta è meritata ma ora prepariamo la nostra risposta per il derby di mercoledì”.

GREEN WARRIORS SASSUOLO-EUROSPIN FORD SARA PINEROLO 3-0
(25/23, 25/19, 25/19)
Green Warriors Sassuolo: Salinas 3, Busolini 7, Dhimitriadhi 9, Spinello 3, Magazza 6, Civitico 8, Antropova 20, Falcone (L), Pasquino, Non entrate: Pelloni, Zojzi, Aliata, Tajè, Ferrari. All. Barbolini.
Eurospin Ford Sara Pinerolo: Bussoli 3, Boldini 2, Zago 14, Fiesoli 3, Gray 1, Akrari 10, Fiori (L), Allasia 1, Tosini 3, Buffo 1. Non entrate: Casalis, Pecorari. All. Marchiaro.

Arbitri: Andrea Clemente, Alberto Dell’Orso.
Note: 28’, 26’ 26’. Tot 80’